Progetto Ambrogio: edicole info point, con Fenagi-Confesercenti

Progetto Ambrogio: edicole info point, con Fenagi-Confesercenti

Quante volte capita di cercare un idraulico, un elettricista, una baby sitter, una badante o risolvere quelle situazioni senza sapere a chi rivolgersi? Ambrogio permette di trovare il professionista adatto, possibilmente “in zona”, e concordare l’intervento in modo facile e gratuito.

Questo è l’obiettivo di “Ambrogio – Basta chiedere!” il progetto nato dalla collaborazione tra la Società Umanitaria e la Faen Consulting, con il patrocinio del Comune di Milano, volto ad affiancare alla normale attività di vendita di quotidiani e riviste delle edicole una capillare rete multiservizi capace di far evolvere la figura dell’edicolante in un moderno e fidato portiere di quartiere a disposizione dei bisogni e delle necessità di tutti gli abitanti del quartiere.

“Vogliamo – spiega l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani – che le edicole e gli edicolanti tornino ad essere un valido punto di riferimento in ogni quartiere della città. Spazi dove i cittadini trovano tutte le informazioni per vivere la città o accedere ai servizi più diversi per risolvere e dare rapide risposte a piccoli problemi quotidiani”.

Giovanni Lorenzetti, presidente Fenagi, gli edicolanti di Confesercenti spiega: “Spero proprio che il progetto Ambrogio – al quale collaborano Sinagi Cgil e Uil Giornalai – che stiamo realizzando col comune, dia dei buoni frutti. Per ora hanno aderito una decina di edicole ma l’obiettivo è di allargare il cerchio affinchè ogni quartiere della città possa avere un presidio importante. Con questa iniziativa le edicole possono tornare protagoniste, dopo una crisi pesante della carta stampata.  Col progetto Ambrogio le edicole diventano un punto di aggregazione soprattutto pe gli anziani ma anche per cittadini, senza dimenticare i turisti, grazie alle attività di servizio che possono svolgere. Oggi apriamo a porta Venezia ma l’obiettivo è di arrivare anche in periferia”, conclude Lorenzetti.

 

| confesercentimilano.it